Paul Ryan ha tenuto un discorso toccante al John McCain's Memorial Service

Politica

Kevin Dietsch - Pool / Getty Images

I servizi commemorativi per il senatore John McCain sono proseguiti oggi con un servizio tenuto presso il Campidoglio degli Stati Uniti, dove McCain si trova nello stato. Il presidente della Camera Paul Ryan ha pronunciato osservazioni per onorare il defunto senatore, rendendo omaggio alla famiglia McCain e onorando la sua dedizione permanente per il servizio pubblico. 'Condividiamo la tua angoscia nel perdere questo grande uomo', ha detto Ryan alla famiglia di McCain quando ha iniziato il suo tributo.




John McCain fu una delle anime più coraggiose che il nostro paese abbia mai prodotto. Merita di essere ricordato come desiderava: un patriota che ha servito bene il suo paese. Un uomo di stato. Dio benedica John McCain. pic.twitter.com/LuA7gj3v0C

- Paul Ryan (@SpeakerRyan) 31 agosto 2018

Leggi la trascrizione completa del commovente memoriale di Ryan di seguito:



A nome di una nazione riconoscente e a nome del Congresso, voglio iniziare ringraziando la famiglia McCain. Per i tuoi molti anni di servizio nel nostro paese. Condividiamo la tua angoscia nel perdere questo grande uomo. Raramente questa gloriosa rotonda tace a quest'ora. In un giorno come questo, John di solito si limiterebbe in questo modo o in quel modo proprio qui, i visitatori si rivolgeranno l'un l'altro chiedendo se questo è chi pensano che sia. Ma in questa ora tranquilla, ci viene lasciato riflettere su come la sua vita ci parli. John McCain merita di essere ricordato come desiderava essere ricordato. Un patriota che ha servito il suo paese, un uomo, sì, del Senato ma anche un uomo di casa. Un uomo della Marina, un uomo di famiglia, un uomo che ha fatto un'enorme differenza nella vita di innumerevoli persone. Un uomo convinto. Un uomo di stato. C'è una frase dalla sua dichiarazione d'addio che mi ha davvero afferrato. & ndquo; Le nostre identità e il nostro senso del valore non sono stati circoscritti ma ampliati servendo buone cause più grandi di noi stessi. & rdquo; Quello è John McCain. Quanto è appropriato e quanto è vero. Ciò che risalta su John McCain è ciò che rappresentava. Le ricche benedizioni che solo la libertà può concedere. Il senso dello scopo che una battaglia unita può portare. L'umanità comune che brucia in ciascuno dei nostri cuori. Hemingway ha scritto una volta, 'Il mondo rompe tutti e in seguito molti sono forti nei luoghi spezzati.' Nessuno: nessuno era più forte nei luoghi distrutti di John McCain. La rottura era la sua zavorra. Non ha mai perso la gioia che il tempo può sbiadire o il limite che la vita politica spesso trascina via. Io stesso, di tanto in tanto, mi ritrovavo sul lato ricevente del distinto marchio di candore di John. Per fortuna Ricordo di aver pensato più di una volta, sì, parla davvero come un marinaio. Ma vedi, con John, non è mai stato simulato un disaccordo. L'uomo non ha fatto finta di niente. Ha appena assaporato la lotta. Ci ha mostrato che nell'arena, l'onesto avanti e indietro, è lì che la causa diventa più grande. Ecco dove il trionfo è ancora più dolce. Diventiamo più forti nei luoghi distrutti. Sebbene l'ufficio supremo lo sfuggisse, raggiunse ciò che è molto più duraturo: l'affetto costante dei suoi concittadini e un esempio per le generazioni future. Quindi ora penso al futuro. Penso al giorno in cui, come tanti, porterò i miei figli e forse i loro figli su quel sacro prato di Annapolis. Ci penso. Penso a cosa potrei dire loro. Questa è una delle anime più coraggiose che la nostra nazione abbia mai prodotto. Comunque tu scelga di fare la tua parte, spero che tu lo faccia come ha fatto lui. Con energia e urgenza. Giocare per sempre, non tornare mai alle calcagna. Non lasciare mai che il principio ceda alla convenienza. Resistere al falso fascino del fugace e abbattere i boccaporti quando le cose si fanno difficili. E avere sempre una bella storia da raccontare. Oggi la nostra nazione si inchina per il dolore. Ma qui, sotto il lavoro di Brumidi, e nello sguardo dei grandi, dove prima c'erano soldati noti e sconosciuti, abbiamo questa cosa meravigliosa. La possibilità di fare per quest'uomo quello che ha fatto per noi. Alzarsi. Alzarsi e abbracciare la causa della sua vita. Nessuno di noi può adempiere a questo addebito. Ma tutti noi possiamo sicuramente provare. Perché tutto questo, tutto questo, vale la pena lottare per. Dio benedica John McCain. E Dio benedica il paese che amava così tanto.