Come allevare uno studente universitario adeguato

Tempo Libero




Getty Images

'La diarrea è scomparsa, ma il vomito è ancora grave.'



Questa informazione è stata condivisa con me di recente non da uno dei miei figli, né dal mio partner, né da un amico intimo - non, in altre parole, da una delle persone da cui sarebbe naturale ascoltare i dettagli di una crisi gastrointestinale - ma da uno dei miei studenti del primo anno al Bard College, dove insegno letteratura.

In passato, quando ho sentito gli studenti, l'argomento delle loro comunicazioni era — beh, la letteratura. Ma era in quel periodo che ora mi riferisco a BH: Before Helicoptering. Forse perché hanno ricevuto più attenzione di qualsiasi generazione nella storia di Homo sapiens, i millennial sembrano essere convinti che ogni aspetto della loro esistenza, dalle loro vite amorose alle loro lotte con la peristalsi inversa, sia interessante non solo per i loro genitori ma anche per tutti gli altri.



Sono qui per dirti che hanno torto e prima se ne rendono conto, migliori e più produttive saranno le loro esperienze universitarie.

foto del chirurgo non ritagliata



Getty Images

Non è che non amo i miei studenti e che mi interessi a loro e alle loro vite. Lo voglio. I millennial sono anche brillanti come pulsanti, più esperti di cultura di qualsiasi generazione precedente e straordinariamente desiderosi di imparare (la maggior parte di essi). Ma questo è il punto: stanno venendo al college per imparare e lavorare.

Il college non è un campo estivo, il college non è una terapia di gruppo, il college non è un sanatorio, il college non è (nonostante l'attuale moda per le esperienze di legame 'avventuroso' prima dell'inizio delle lezioni). Sono studenti (la parola deriva dal latino per 'applicarsi seriamente'), e la cosa migliore che posso fare per loro, come loro professore, è trattarli non come bambini ma come persone serie che sono lì per essere serie sulle materie che studiano.

principessa Michele del Kent

I professori non sono tate, infermiere o operatori sanitari.

Il contrario del nostro prendere sul serio i nostri studenti è che devono prendere sul serio anche noi, i loro insegnanti, per trattarci come professionisti nei nostri campi, non come genitori irrequieti. Non siamo tate, infermiere o operatori sanitari. Se il tuo bambino non si sente abbastanza bene per venire in classe, tutto ciò che deve fare è licenziare un messaggio di posta elettronica che dice 'Non sono abbastanza bene per venire in classe'.

Né siamo concierge. (Una volta, quando ho suggerito al mio Iliade studenti che potrebbero voler fare un viaggio al Metropolitan Museum of Art, uno studente inviato via e-mail chiedendo se potevo inviare una mappa delle opzioni di parcheggio nelle vicinanze.)